Sportello Unico Digitale - Città di Arona

Principi e finalità

La finalità del servizio è offrire sostegno ai singoli soggetti e alle loro famiglie per prevenire situazioni di disagio e agevolarne la permanenza in famiglia.

È un servizio che ha come obiettivo principale la tutela del minore – normodotato o disabile – attraverso il sostegno (assistenza ed interventi di tipo educativo) alla sua famiglia.

Il servizio promuove/attiva tutte le risorse idonee a prevenire l’allontanamento del minore dalla famiglia o il suo isolamento conseguente all’incapacità genitoriale nel gestire una situazione complessa.

Il Servizio di Educativa Territoriale riconosce:

  • la centralità dell’essere umano, che si realizza mediante l’applicazione di principi fondamentali, quali: il rispetto della persona nella sua unicità, l’accettazione incondizionata della stessa e l’atteggiamento non giudicante dell’operatore, la personalizzazione dell’intervento;
  • il diritto dell’utente a ricevere prestazioni adeguate e professionalmente qualificate; · il diritto all’autodeterminazione, con conseguente partecipazione attiva dell’utente alla definizione del problema, alla stesura del piano di intervento, alla valorizzazione delle risorse personali dello stesso;
  • il diritto alla riservatezza e alla tutela dei dati personali ai sensi della Legge n.675/96.

Le finalità del Servizio di Educativa Territoriale, si possono riassumere schematicamente nel modo seguente:

  • sostenere il minore che vive in situazioni di disagio e la famiglia nei casi di temporanea difficoltà a farvi fronte;
  • rimodulare i rapporti e le relazioni tra il minore e la famiglia attraverso il recupero delle risorse potenziali della famiglia stessa ed il rafforzamento del ruolo educativo delle figure parentali;
  • recuperare le dinamiche relazionali all’interno del gruppo classe, inteso come costituito dagli alunni e dagli insegnanti;
  • recuperare le dinamiche relazionali all’interno del gruppo dei pari in situazioni extrascolastiche ( quartiere, parrocchia, associazionismo, servizi di aggregazione e di tempo libero, ecc.);
  • sviluppare l’autonomia del nucleo nelle scelte educative, nel rispetto dei diritti del minore;
    attivare le reti informali di aiuto e sostegno al nucleo;
  • informare e orientare il nucleo rispetto alla positiva fruizione delle risorse territoriali esistenti;
  • attivare una rete significativa tra nucleo familiare e contesto socio culturale esterno (comprendente la scuola, il quartiere, la parrocchia, ecc.) al fine di consentire l’integrazione del nucleo all’interno del tessuto sociale di appartenenza;
  • fornire supporto ad eventuali soggetti affidatari (famiglie, comunità, istituti) in collaborazione con i servizi territoriali e il Tribunale per i minorenni.
Ultima modifica: 3 Novembre 2021 alle 16:17

Quanto è stato facile usare questo servizio?

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?

1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?

1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli?

2/2

Inserire massimo 200 caratteri
torna all'inizio del contenuto